Come fare per...

Tutela igienico sanitaria degli alimenti di origine animale

Autorizzazione trasporto rifiuti di origine animale

Il trasporto dei rifiuti di origine animale può avvenire mediante automezzi o contenitori dotati di autorizzazione sanitaria. I mezzi ed i contenitori devono essere in regola con i requisiti igienico sanitari previsti dal regolamento CEE 1774/2002 e le linee guida emanate dal Ministero della Salute. La domanda su modulo (reso legale) è scaricabile da questa pagina

Sanità animale, igiene degli allevamenti e produzioni zootecniche

Autorizzazioni trasporto animali vivi tipi 1 e 2

Ai sensi della vigente normativa, il trasporto di animali da reddito a fini commerciali può avvenire esclusivamente su automezzi autorizzati, che posseggano i requisiti previsti tali da evitare la propagazione di malattie infettive del bestiame e da assicurare il benessere degli animali durante il trasporto. L'autorizzazione ha validità annuale. L'autorizzazione

Sanità animale, igiene degli allevamenti e produzioni zootecniche

Certificato attestante l'avvenuto controllo del bestiame in partenza in ambito nazionale

Viene eseguito su richiesta dell'operatore. Seguirà osservazione degli animali, presa visione dei documenti di identificazione e del Modello IV.

Sanità animale, igiene degli allevamenti e produzioni zootecniche

Certificato attestante l'avvenuto controllo di bestiame in partenza/in arrivo da o in partenza per paesi comunitari o extracomunitari

Viene eseguito in seguito a comunicazione da parte dell'operatore. Seguirà osservazione degli animali e presa visione dei documenti di identificazione e di viaggio.

Igiene degli alimenti e delle bevande

Certificato di abilitazione alla vendita dei presidi sanitari e dei relativi coadiuvanti

Il commerciante intenzionato a vendere presidi sanitari deve essere in possesso della specifica abilitazione. La domanda per il rilascio/rinnovo quinquennale del certificato di abilitazione alla vendita dei presidi sanitari, dei prodotti fitosanitari per l'agricoltura e dei relativi coadiuvanti può essere presentata dopo aver effettuato il corso di formazione

Igiene degli alimenti e delle bevande

Certificato di idoneità all'identificazione dei funghi freschi spontanei commercializzati

Rilascio di certificato di idoneità all'identificazione dei funghi freschi spontanei commercializzati e domanda di ammissione all'esame di idoneità alla vendita su richiesta dell'OSA (Operatore del Settore Alimentare). Dopo la prova d'esame, scritta ed orale, con il gruppo di valutazione - se l'esito è positivo - viene rilasciato l'attestato di idoneità da parte

Medicina del lavoro

Certificato di idoneità psicofisica per lo svolgimento dell'attività di fochino

La Legge regionale n.21 del 18 agosto 2005 (art.2) ha abolito nel territorio della regione Friuli Venezia Giulia l'obbligo della presentazione di tale certificato. Il certificato viene rilasciato qualora previsto dalle norme di tutela della salute e della sicurezza negli ambienti di lavoro e quando il richiedente non rientra nella definizione di lavoratore ai

Igiene degli alimenti e delle bevande

Certificato di potabilità dell'acqua

Rilascio di certificato di potabilità dell'acqua su richiesta di privati cittadini ed Enti, per abitabilità, Bollo CEE e Bollo USA. Le analisi di laboratorio vengono eseguite dall'Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente. Approfondimenti relativi alla procedura, ai criteri e agli obblighi e adempimenti del richiedente.

Sanità animale, igiene degli allevamenti e produzioni zootecniche

Certificato idoneità per conducenti e guardiani

Viene rilasciata a richiesta del cittadino che voglia trasportare animali o fungere da guardiano su un veicolo stradale che trasporta equidi domestici o animali domestici delle specie bovina, ovina, caprina o suina o pollame.

Medicina del lavoro

Certificato medico per conduttori di generatori a vapore

La Legge regionale n.21 del 18 agosto 2005 (art.2) ha abolito nel territorio della regione Friuli Venezia Giulia l'obbligo della presentazione di tale certificato. Il certificato viene rilasciato qualora previsto dalle norme di tutela della salute e della sicurezza negli ambienti di lavoro e quando il richiedente non rientra nella definizione di lavoratore ai

Medicina del lavoro

Certificato medico per l'idoneità all'impiego di gas tossici

La Legge regionale n.21 del 18 agosto 2005 (art.2) ha abolito nel territorio della regione Friuli Venezia Giulia l'obbligo della presentazione di tale certificato. Il certificato viene rilasciato qualora previsto dalle norme di tutela della salute e della sicurezza negli ambienti di lavoro e quando il richiedente non rientra nella definizione di lavoratore ai

Igiene degli alimenti e delle bevande

Certificazione di non commestibilità dei prodotti alimentari ai fini della distruzione

Viene rilasciata all'Operatore del Settore Alimentare (OSA) quando la merce detenuta presso esercizi commerciali è deteriorata o comunque non più idonea all'alimentazione umana a causa di guasto delle attrezzature o per altre cause.

Igiene degli alimenti e della nutrizione

Certificazione esportazione merce

Viene rilasciata su richiesta dell'OSA (Operatore del Settore Alimentare) la Dichiarazione di Presa d'Atto per l'esportazione di prodotti alimentari o bevande destinate a Paesi Terzi.

Tutela igienico sanitaria degli alimenti di origine animale

Certificazione per avvenuta distruzione di prodotti di origine animale non idonei al consumo umano

Gli esercenti, che intendono procedere alla distruzione dei prodotti e degli avanzi a seguito di interruzione della catena del freddo o scaduti di validità e perciò non più idonei all'alimentazione umana, devono presentare una richiesta scritta indicando gli estremi della ditta e l'elenco dei prodotti da distruggere. Tale richiesta deve essere consegnata a mano

Tutela igienico sanitaria degli alimenti di origine animale

Certificazioni per l'esportazione di prodotti di origine animale

L'esportazione dei prodotti di origine animale nei Paesi Terzi (Paesi che non fanno parte della CE) può essere autorizzata fatti salvi i requisiti di legge e qualora siano rispettati gli standards sanitari riconducibili alla normativa CE. Il certificato di esportazione può essere richiesto, con almeno 48 ore di anticipo sulla spedizione, mediante domanda in carta

Gestione immobili

Concessione di beni immobili di proprietà dell'A.A.S. n. 1 “Triestina” non destinati a fini istituzionali, in uso a terzi a titolo di locazione o di comodato (nell'ipotesi di beni patrimoniali disponibili) o nella forma della concessione amministrativa (nell'ipotesi di beni patrimoniali indisponibili)

- Richiesta della Direzione Generale su eventuale istanza di Struttura/Servizio aziendale o di altro Ente/soggetto pubblico o privato; - Procedura di locazione/comodato/concessione: ad evidenza pubblica o procedura negoziata “pura” o preceduta da “gara informale”; - provvedimento finale di individuazione del contraente.

Dipartimento di Salute Mentale

Concessione di contributi ad associazioni di volontariato operanti nel settore della salute mentale

Viene indetto apposito bando pubblico L'AAS1/DSM può assegnare dei contributi finalizzati a sostegno di specifici progetti presentati dalle Associazioni che operano nella salute mentale. Nel bando vengono indicati i requisiti di ammissione.

Affari generali

Concessione di contributi alle associazioni di volontariato - erogazione acconto su verbali lavori commissione del volontariato

Provvedimento di approvazione dell'Avviso per la selezione delle attività/progetti delle associazioni di volontariato per l'ammissione ai contributi annuali. Provvedimento di approvazione dell'individuazione delle associazioni di volontariato ammesse ai contributi economici aziendali e successiva erogazione.

Servizi amministrativi - Distretto 1

Concessione indennità tubercolare

I cittadini colpiti da tubercolosi, non assicurati presso l'INPS, oppure non assistiti per difetto assicurativo, il cui reddito sia inferiore al minimo imponibile ai fini dell'IRPEF ai sensi di legge, hanno diritto a percepire da parte dei competenti organi del SSN le indennità previste dall'art. 5, comma 2 della Legge 88/1987. I cittadini colpiti da tubercolosi

Servizi amministrativi - Distretto 2

Concessione indennità tubercolare

I cittadini colpiti da tubercolosi, non assicurati presso l'INPS, oppure non assistiti per difetto assicurativo, il cui reddito sia inferiore al minimo imponibile ai fini dell'IRPEF ai sensi di legge, hanno diritto a percepire da parte dei competenti organi del SSN le indennità previste dall'art. 5, comma 2 della Legge 88/1987. I cittadini colpiti da tubercolosi